L’EUROPA TORNA AL NUCLEARE?

Sono rimasto francamente sconcertato nell’apprendere dai TG di oggi che la Commissione Europea starebbe pensando di puntare decisamente sulle energie rinnovabili. Sconcertato per due motivi. Primo perché, se così fosse, sarebbe la prima volta che sono d’accordo con la Commissione. Secondo perché purtroppo il tutto è illusorio, visto che la Commissione considera tra le energie alternative anche il nucleare! Anzi, lo consiglia ai governi nazionali europei!

Intanto la presidenza di turno dell’Unione Europea (affidata adesso alla Germania) vuole concentrare sul tema dell’energia il prossimo vertice. Che la Merkel porti gli esempi di Friburgo o di Hannover come modello di sviluppo energetico! Che Prodi si informi su quello che si sta facendo a Bolzano e provincia! Altro che nucleare!

Il nostro Paese avrebbe solo da guadagnare a puntare seriamente sulle rinnovabili, a partire dalle biomasse. Siamo una Nazione ricca di terre coltivabili e finché non è stata messa fuori legge, con un atto senza precedenti, eravamo i secondi esportatori mondiali di canapa!

Non abbiamo petrolio né carbone a sufficienza nel nostro sottosuolo, ma abbiamo risorse in superficie sovrabbondanti. Abbiamo terre da coltivare, ma soprattutto abbiamo una fonte di energia che ci invidiano in tutto il Mondo: l’arte di sapersi arrangiare!

Perché la fonte energetica più sicura ed efficiente sarà sempre l’intelligenza umana, quella risorsa che ti fa capire che sprecare energia è da stupidi!

Limitando gli sprechi e puntando su biomasse, fotovoltaico, solare ed eolico possiamo ripartire ed essere competitivi su ogni mercato, se invece ci ostiniamo a puntare sul carbone (come vorrebbe Prodi) o sul nucleare (come vorrebbe Berlusconi) continuiamo a correre dietro a chimere che possono solo farci dei danni!

NO al nucleare, SI all’intelligenza!

Annunci

2 thoughts on “L’EUROPA TORNA AL NUCLEARE?

  1. L’energia rinnovabile ok, occorre puntarvi il più possibile, ma con il fabbisogno energetico attuale non possiamo dimenticarci dei vantaggi che si possono ricavare dal nucleare. Innanzitutto le centrali nucleari non emettono gas inquinanti, in più, con pochissimo materiale, garantiscono un funzionamento quasi eterno ed una produzione energetica esponenziale. Non dico che bisogna impegnarsi come la Francia a riempirsi di centrali, ma tenendo conto dell’energia rinnovabile, e delle biomasse (che a mio parere queste ultime non basterebbero a soddisfare una provincia), sarebbe bene avere anche un paio di centrali…magari vedere di restaurare e modernizzare le 4 centrali dismesse, poi convertite in termoelettriche. Queste 4 centrali ci aiuterebbero per lo meno a scongiurare i rischi di black-out e i distacchi programmati. Ricordiamoci che, se il 28 settembre 2003 fu un ramo di un albero a lasciarci al buio, il 26 giugno 2003 fu l’abuso di condizionatori contro il caldo umido a scatenare il black-out. Oggi questo rischio si è ridotto, ma solo momentaneamente a causa dell’attivazione di nuove centrali. E dato che il petrolio e il carbone sono inquinanti e termineranno molto presto, credo che, accanto al solare, all’eolico ed alle biomasse, occorra, in un primo tempo ricorrere al nucleare. I luoghi per le scorie sono sempre gli stessi (l’isola di Palmyra, disabitata e dispersa nel Pacifico); quanto ai costi ed ai tempi di realizzazione, si potrebbe risparmiare restaurando, adeguando e quanto altro, gli ex-impianti nucleari. (poi è vero che degli italiani c’è poco da fidarsi, ma negli altri vicini paesi europei esistono complessivamente 180 centrali di questo tipo…per non aggiungervi quelle russe!!!!)

  2. C’è una condizione affinché le rinnovabili siano sufficienti da sole a soddisfare il fabbisogno energetico nazionale…l’abbattimento degli sprechi di energia!
    E’ vero che le cntrali nucleari non emettono gas inquinanti…finché non hanno guasti…
    La grande scoperta legata al nucleare fu fatta circa 15 anni fa da due ricercatori che teorizzarono e realizzarono la fissione nucleare fredda. Con un po’ di deuterio e acqua pesante si poteva avere energia per pochi soldi e per centinaia di anni…che fine hanno fatto quei due ricercatori?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...