La vignetta di Vauro

(Da LaCasaStregata) La vignetta per cui Vauro è stato sospeso è la seguente:


Questa vignetta è stata giudicata “gravemente lesiva dei sentimenti di pietà dei defunti e in contrasto con i doveri e la missione del servizio pubblico”. Ovviamente questa vignetta può urtare la sensibilità di qualcuno, in particolare di chi è direttamente coinvolto.

Ma bisogna in questi casi sempre considerare l’intento dell’autore che non è evidentemente quello di scherzare sui morti del terremoto ma quello di provocare la riflessione anche attraverso una violenza visiva come questa. Questa vignetta non deve far pensare alla presunta offesa di Vauro ma alle incredibili e assurde cause che hanno provocato quei morti.

Sullo sfondo ci sono delle macerie che non devono far pensare alla fatalità del terremoto, ma alle precise colpe di chi ha costruito quelle strutture. Sono emerse cose sconcertanti come l’inagibilità dell’Ospedale e persino la sua assenza nelle mappe catastali. Dopo la puntata di Annozero e le vignette di Vauro è di questo che bisognerebbe parlare e non di Santoro e Vauro che comunque il loro mestiere l’anno fatto con coerenza e coraggio.

P.S. Ci sono state critiche persino da Bruno Vespa che non si può certo definire il più indipendente dei giornalisti a giudicare per esempio dalle cene che organizza in cui partecipano il Presidente del Consiglio e altri vertici di governo. Nella sua puntata di Porta a Porta sul terremoto ha inoltre affermato che gli sciacalli ci sono sempre stati anche durante la guerra e venivano “giustamente fucilati”.

Condividi questo articolo su facebook Condividi su Facebook

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...